Assemblea annuale GIM-Unimpresa 11.07.23

COMUNICATO STAMPA Assemblea GIM-Unimpresa

L’11 luglio si è svolta in formato ibrido, online tramite la piattaforma Zoom e offline presso il centro di educazione estetica MUSEION del Museo Statale Pushkin di Mosca l’Assemblea annuale degli iscritti all’Associazione degli imprenditori italiani in Russia GIM-Unimpresa. Hanno preso parte all’incontro più di un centinaio di persone tra cui rappresentanti del mondo imprenditoriale e culturale italiano e russo.

L’incontro si è aperto con le parole del Presidente Vittorio Torrembini su come l’Associazione si impegni quotidianamente per difendere il lavoro delle imprese italiane in Russia che da oltre 30 anni investono in questo Paese, creando posti di lavoro e cementando un importante rapporto di collaborazione bilaterale che deve continuare. Ha ricordato le discriminazioni che subiscono le aziende e i cittadini italiani che vivono e lavorano in Russia sul piano bancario e doganale dove subiscono continui episodi di overcompliance. Il presidente ha in ultimo auspicato un prolungamento della missione in Russia dell’Ambasciatore Starace che sta svolgendo un egregio lavoro di supporto alle aziende e ai connazionali in Russia.

L’Assemblea ha poi approvato all’unanimità il bilancio consuntivo dell’anno 2022, così come il bilancio preventivo per all’anno corrente e la relazione dei sindaci revisori, trasmessi a tutti gli iscritti per opportuna visione prima della seduta. L’Assemblea ha inoltre provveduto ad approvare, sempre all’unanimità, alcune norme di modifica allo Statuto proposte dal Consiglio Direttivo, ovvero: la possibilità di iscrizione all’Associazione per società di diritto russo che abbiano attività con l’Italia, un adeguamento dei tempi di durata in carica degli organi dirigenti dell’Associazione che passano da due a tre anni ed alcune altre piccole modifiche tra cui il cambiamento dell’indirizzo giuridico, l’eliminazione del termine temporale di pagamento entro 60 giorni della quota associativa con conseguente esclusione dall’Associazione così come la delega al Consiglio Direttivo della decisione relativa all’esclusione dall’Associazione.

Ha poi preso la parola S.E. l’Ambasciatore d’Italia in Russia Giorgio Starace che nel suo intervento ha sottolineato l’importanza del legame tra business e cultura, una delle chiavi per la ripresa del rapporto bilaterale tra i nostri Paesi, entrambe grandi potenze culturali. L’Ambasciata è da sempre impegnata nel promuovere il “people to people dialogue”, ovvero il dialogo tra il popolo russo ed italiano sulla base della cultura. In quest’ottica sono costantemente promosse dalle nostre Istituzioni numerose iniziative, tra cui la concessione di borse di studio universitarie agli studenti russi, attività di potenziamento dell’insegnamento della lingua italiana, festival musicali, attività cinematografiche. L’Ambasciatore Starace ha infine ricordato come Italia e Russia debbano avere visione sul futuro, l’investimento culturale in questa fase risulta estremamente importante ed avrà un impatto sulle generazioni future.

L’incontro è proseguito con la presentazione dei servizi della società SAV, una società parte del gruppo Gazprombank che propone soluzioni digitali per il business e con la quale l’Associazione ha recentemente firmato un accordo di collaborazione. Tra i servizi proposti ci sono una piattaforma digitale per l’accompagnamento dell’attività economica estera con uno sportello unico che accompagna l’azienda nell’attività di import ed export e un servizio di rimborso online del 12% dell’IVA per i turisti stranieri con il sistema tax free pagando gli acquisti tramite l’applicazione Digitax e un rimborso fino al 2% per il venditore al dettaglio. SAV ha presentato la sua storia e attività in modo molto originale e in un formato unico attraverso le strofe di una poesia recitata dall’attrice di teatro Marianna Shults, accompagnata dalla meravigliosa musica di un’arpa suonata da Irina Silivanovskaya e da uno show di pittura con la sabbia dove l’artista Tamara Schroeder ha trasformato la poesia in immagini.

Ha poi preso la parola Sergey Romanov, presidente del Club Aretokratya, che ha presentato a tutti gli ascoltatori il suo nuovo progetto relativo alla distribuzione nelle scuole italiane di un cartone animato che sensibilizza i più piccoli sui danni del fumo. Il cartone verrà trasmesso alla Scuola italiana Italo Calvino di Mosca e successivamente con l’aiuto dell’Associazione e dei nostri partner in Italia.

È intervenuto dalla sala anche il Prof. Umberto Solimene, presidente di una federazione mondiale che unisce 12.000 centri termali in tutto il mondo, che ha sottolineato il forte legame tra cultura e scienza come elementi di integrazione e sviluppo economico tra i popoli.

L’ultima parte dell’Assemblea è stata dedicata alla tavola rotonda sul ruolo dell’economia nello sviluppo della cultura nelle sue varie espressioni che ha visto la partecipazione della Direttrice del Museo Pushkin di Mosca Elizaveta Likhacheva e della Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura a Mosca Daniela Rizzi.

“La bellezza salverà il mondo” – proprio da questa frase citata da Dostoevsky nel suo romano L’Idiota è iniziato il dibattito tra la Dott.ssa Rizzi e la Dott.ssa Likhacheva. La Dott.ssa Rizzi ha espresso dei dubbi sulla possibilità della bellezza nelle sue varie forme di salvare il mondo così come sulla possibilità del mondo di salvare la bellezza ed ha proseguito dando una definizione terminologica del termine cultura. Se parliamo del ruolo della cultura come strumento di dialogo tra i popoli parliamo infatti delle conquiste culturali della società, di tradizioni, forme di espressione, tradizioni religiose, conoscenze che si trasmettono nelle generazioni. Conoscere le culture degli altri popoli è la chiave per la loro conoscenza e il loro rispetto. Se ci soffermiamo sul ruolo dell’economia nella cultura analizziamo il suo valore artistico e le sue espressioni nelle varie forme artistiche. Risulta difficile immaginare lo sviluppo della cultura nella sua perspettiva storica senza la partecipazione delle forze economiche e politiche, sia nelle forme di richieste di opere culturali da parte dei governi che dei mecenati privati. L’economia assume il ruolo di motore per lo sviluppo dell’arte, aiuta nella creazione delle giuste condizioni per la crescita dell’arte rendendola disponibile ad un pubblico ampio e conservandola nel tempo. A questo proposito l’Unesco da anni porta avanti numerosi progetti per favorire lo sviluppo sostenibile nei quali viene dato grande peso alla componente culturale.

La Dott.ssa Likhacheva ha iniziato il suo intervento condividendo la posizione della Dott.ssa Rizzi relativa al concetto secondo cui la bellezza non salverà il mondo data la natura innata dell’uomo alla distruzione nonostante la civilizzazione della società. La cultura nella sua concezione fonda sue tre pilastri: la conoscenza che le persone hanno del mondo su sé stesse ovvero la scienza; l’atteggiamento verso le persone, verso il mondo e verso sé stessi ovvero l’arte; il trasferimento delle conoscenze alle generazioni future ovvero l’istruzione. La cultura esiste in quanto l’uomo la sente necessaria, la società è pronta a sostenere la cultura ed i musei per i quali è fondamentale tale sostegno per la loro sopravvivenza. Il business comprende molto bene perché è necessario sostenere la cultura, questo sostegno permette di promuoverla, aiutarne la conservazione e lo sviluppo futuro, svolgendo in parte una funzione museale. Nel mondo moderno la cultura interagisce costantemente con il business. La correlazione tra business e cultura in primo luogo è legata al mecenatismo che si trasforma in donazioni volontarie e si differenzia dalla sponsorship che è a tutti gli effetti un accordo commerciale, legato spesso ad attività di lobbying dei propri interessi, di aumento dello status dell’imprenditore e di aumento della capitalizzazione del business grazie alla cultura. L’atteggiamento delle istituzioni culturali nei confronti del business non deve essere consumistico, non c’è un dovere da parte del business nell’aiutare la cultura, ci deve essere simbiosi tra business e cultura che compiono un percorso insieme.

La Dott.ssa Rizzi ha poi ricordato il legame tra la cultura italiana e quella russa nei secoli, pochi sono gli esempi di un così profondo dialogo tra due culture che sono state influenzate a vicenda negli anni. Nella realtà odierna purtroppo ci troviamo in una situazione nella quale non è possibile lo scambio di artisti tra i nostri due Paesi, si sono arrestati i progetti culturali, le tournee degli artisti nei rispettivi Paesi così come le mostre itineranti. In questa situazione la comunità imprenditoriale italiana in Russia può fare molto, come ad esempio sostenere la conservazione delle innumerevoli collezioni di opere d’arte italiane in Russia. Secondo la Dott.ssa Likhacheva il business italiano e russo nell’attuale situazione devono mantenere il loro lato umano e mantenere i rapporti, è necessario mantenere vivi i ponti che crea la cultura e che ci permettono di uscire dalle situazioni più difficili. La cultura continua a parlare una lingua universale e ciò che ci permette di mantenere la nostra civilizzazione.

“Il dialogo salverà il mondo!” – con queste parole si è conclusa l’Assemblea generale degli associati di GIM-Unimpresa.

Vogliamo rivolgere infine un ringraziamento particolare agli sponsor dell’evento Campari, Dolce & Salato, Ferrero, Danieli per il loro sostegno e per la fiducia nelle nostre attività!


Aziende associate

Tra i membri della nostra Associazione ci sono i principali brand italiani e mondiali, leader delle vendite, della produzione e del business

ELENA SHLENKINA REPRESENTATION
UP
OFFICINE FACCO & C. S.P.A.
JAKALA
PONY EXPRESS
DOLCE & SALATO
MOZZANICA & MOZZANICA
MARKISA PROJECT
ITALREGIS CONSTRUCTIONS
STERNGOFF AUDIT
RUSSIA4BUSINESS
FATER EASTERN EUROPE LLC
SMW-Autoblok
Eigenmann and Veronelli
FPT Industrie
Whirlpool
Mediacom Consulting
Pietro Barbaro
SEST-LUVE
Studio Napolitano e Associati
Zamperla
Pinzeria by Bontempi
Alstockservice
Centro medico italiano Benessere
Chiesi
DKC
Arvato
BUZZI UNICEM SPA
PRYSMIAN GROUP
UNIONSPED SRL
TLSCONTACT
RÖSSL & DUSO SRL
P&R ENGINEERING
STUDIO EUROCONSULTING O.O.O. - International Management Consulting
SERIOPLAST SPA
RUSFIC – gruppo RECORDATI
ZOPPAS INDUSTRIES
QUALITY PARTNERS
CLIVET
WATER TEAM SPA
EXPRIMERE
LEXIS
TELECOM ITALIA SPARKLE
BAXI SPA
INTEREXPO
AlphaMAC srl
DESMET BALLESTRA
SANCO SPA
MBE-MEB & SONS LLC
AE-2 AUTOCOMPONENT ENGINEERING
AETNA GROUP VOSTOK
Agrex
Allegrini SPA
ALIS.E.I.
ALU-PRO
Angelini
Astaldi
Campari RUS
Cannon Eurasia
Rizzani de Eccher SpA – Moscow Division (Codest)
De Girolami
Dieci SRL
Extra M OAO
De Longhi
Galleria Carioni
GENERAL-INVEST LLC CONCERN
G.P. Evolution
Gusto Italiano Buon Appetito
Isopan
Ital cantieri
ITF – Italfarmaco
Laminam S.p.A.
LegaLife
Marelli Motori
Mikro Kapital
Pirelli
Pavia E Ansaldo
Profilpas
Ralot
Recordati - Rusfic
Russiatex
Sacmi
Scheider Group
Schnell SPA
Smeg Russia
Studio Franco Marzona
STUDIO LEGALE E FISCALE “CARNELUTTI RUSSIA”
Valmapak
Wm & Partners Ltd
BANCA INTESA
FIRBIMATIC
GEFIT
GVM
LINEA DESIGN
MARCEGAGLIA
MARCUS
OMAG
Pavan
REGENS INTERNATIONAL
SACMA LIMBIATE
Gruppo Agroindustriale Italiano
Fornovo Gas
Carminati
Brunel